immagine Slava's Snow Show: Lo spettacolo dei record creato dal più grande artista circense di tutti i tempi sarà in scena  dal 4 all’8 aprile

Slava's Snow Show: Lo spettacolo dei record creato dal più grande artista circense di tutti i tempi sarà in scena dal 4 all’8 aprile

Arriva SLAVA’S SNOWSHOW e la fantasia scende come magica neve al Giovanni da Udine

Ipnotico, travolgente, unico: oltre 4 milioni di spettatori hanno già applaudito la sorprendente creazione di Slava Polunin, in arrivo a Udine per le uniche 5 date del Friuli Venezia Giulia. Lo show del leggendario clown giallo Asisyai è un concentrato di fantasia e di sogni ma anche un manifesto poetico della bellezza e complessità dei sentimenti umani

Udine, 27 marzo 2018 - Tutte le definizioni si sciolgono come neve al sole quando si tratta di SLAVA’S SNOWSHOW, lo spettacolo ipnotico e travolgente del clown dei clown SLAVA POLUNIN. Un concentrato di fantasia e di sogni, un mondo colorato e poetico è quello che il più celebrato artista circense di tutti i tempi porterà in scena fra poco - dal 4 all’8 aprile - al Teatro Nuovo Giovanni da Udine per le uniche cinque date previste in Regione e che è, di fatto, uno degli appuntamenti più attesi della stagione di prosa 2017/18 del Teatro Nuovo.

Uno show, appunto – perché spettacolo alla fine è parola riduttiva – che è entrato indelebilmente nei ricordi di oltre 4 milioni di spettatori in tutto il mondo fin dal suo debutto sulle scene. Era il 1993, a Mosca, e da allora il tenero e travolgente clown giallo Asisyai creato da SLAVA POLUNIN ha raccolto emozioni, lacrime e sorrisi collezionando oltre 6000 repliche.

SLAVA’S SNOWSHOW raccoglie i numeri più belli e famosi del repertorio di questo artista straordinario e nello stesso tempo si rinnova ogni volta un po’. Un’esperienza incredibile e inattesa, che lascia gli adulti pervasi di spirito bambino, una sequenza di sorprendenti magie, una rappresentazione poetica, candida e imprevedibile, gioiosa e atletica, in bilico tra happening e circo. Sono molti i sortilegi e le ironie che i clown regalano al pubblico, invadendo talvolta la platea per fare qualche dispetto esilarante.

Trovarsi al centro di una tempesta di neve e, dopo un minuto, salire le scale dell’arcobaleno, ridere e commuoversi, innamorarsi e lasciarsi: questo è SLAVA’S SNOWSHOW, un teatro che nasce dai sogni e dalle fiabe, libero, lirico, ironico, fantasioso, divertentissimo e tenero, ricco di speranze, desideri e nostalgie, mancanze e disillusioni. Un teatro che sfugge a qualsiasi definizione, all’interpretazione unica delle sue azioni e da qualsiasi tentativo di limitazione della sua libertà.

La neve, come è immaginabile, la fa da padrona in questo show ed è una sorta di leitmotiv che avvolge il pubblico e lo fa per sempre suo: un simbolo chiave per comprendere quello che, alla fine, è un manifesto poetico e corale della bellezza e complessità dei sentimenti umani. "La neve è per me un'immagine bellissima – racconta Slava - come un abito da sposa, come un foglio bianco quando un pittore comincia a disegnare. Ma mi riempie anche di paura e di orrore, di freddo e di morte".

 A Udine, SLAVA’S SNOWSHOW venne già nel 2006 e fu un tripudio. Il Teatro Nuovo lo serba nella memoria come uno degli eventi clou della sua storia ventennale e così oggi lo propone al pubblico per l’ebbrezza della prima volta o per un rinnovato tuffo nell’universo fantastico di SLAVA assieme a figli e nipoti.

Nato in un piccolo paese della Russia nel 1950, pluripremiato - ha meritato l’Olivier e il Time Out Award a Londra, il Drama Desk a New York, lo Stanislavskij a Mosca e il Festival Critics Award a Edimburgo – Slava Polunin si ispira a maestri come Leonid Engibarov, clown triste, o al raffinato Marcel Marceau, o alla delicata comicità di Charlie Chaplin.

“È un teatro rituale magico e festoso, costruito sulla base delle immagini e dei movimenti, sui giochi e sulle fantasie, che sono le creazioni comuni al pubblico e alla gente di teatro –spiega Slava -. È un teatro che crea un’unione epica intimistica tra tragedia e commedia, assurdità e spontaneità, crudeltà e tenerezza. Volevo creare uno spettacolo che ci potesse riportare ai nostri sogni di bambini, che potesse aiutare le persone adulte che venivano a teatro a tornare alla loro fanciullezza di una volta… Questa era la sfida: ho sentito di aver trovato la strada di una nuova terra inesplorata e affascinante. Ho deciso di inoltrarmi in un sentiero intrapreso da pochi clown prima, in campi nei quali non ti aspetteresti mai di trovare un clown! Volevo andare a fondo nell’ambito della tragicommedia, per capire come fondere il dramma con la risata, per misurare come un personaggio mite e indeciso può mostrarsi al pubblico di oggi –  pubblico abituato ad un caleidoscopio di eventi, colori, suoni, “spazi-tempi”. Desideravo che il mio personaggio fosse epico e lirico, tenero e travolgente, sveglio e naif. Ho iniziato a rallentare il ritmo, a dare significato ai gesti minimi che ora per me erano molto più espressivi e colorati che pomposi o solenni. Divenni un appassionato dei “gesti non-finiti”, interrotti, congelati come da un improvviso pensiero. Anche il mio personaggio è evoluto. I regolari tondi bianchi di sorpresa intorno agli occhi e alla bocca furono sostituiti da forme nere e confuse, il costume di scena diventò largo e trasandato. Il mio gentile e commovente Asisyai è cresciuto con me, diventando pensieroso ed esitante. Poi, un giorno, lo show venne alla luce. Era il 1993. Spettatori da tutto il mondo, da dozzine di Paesi, lo hanno visto.  È stato presentato migliaia e migliaia di volte e ha ricevuto numerosi premi prestigiosi. Questo spettacolo è come un figlio per me e spero che continuerà a stupirmi e sorprendermi per i numerosi misteri che nasconde. Sa dare gioia e tristezza, sa far ridere o commuovere fino alle lacrime. In qualche modo mi ha permesso di conoscere meglio me stesso”.

REPLICHE AL TEATRO NUOVO GIOVANNI DA UDINE – VIA TRENTO 4 – UDINE: mercoledì 4, giovedì 5 e venerdì 6 aprile ore 20.45. Sabato 7 aprile 2018 ore 18 (Teatro Insieme). Domenica 8 aprile 2018 ore 17. Indicato per i bambini di età superiore agli 8 anni.

Biglietteria del Teatro aperta dalle 16.00 alle 19.00 (chiuso la domenica, il lunedì e i giorni festivi). L’acquisto dei biglietti è possibile anche al temporary ticket store del teatro attivato alla Libreria Feltrinelli di via Canciani a Udine (tutti i mercoledì dalle 10 alle13 e dalle 13.30-alle 18) online su www.teatroudine.it e www.vivaticket.it e nei punti vivaticket. Per info: tel. 0432 248418 e biglietteria@teatroudine.it.

 

SLAVA’S SNOWSHOW

Creato e messo in scena da SLAVA

Tournée italiana organizzata da ATER- Associazione Teatrale Emilia Romagna in collaborazione con Slava e Gwenael Allan

www.slavasnowshow.it

REGIA: Viktor Kramer, Slava Polunin

SCENOGRAFIA: Viktor Plotnikov, Slava Polunin

DESIGN COSTUMI ED EFFETTI SPECIALI: Slava Polunin

SUONO: Roman Dubinnikov, Slava Polunin

 

Udine, Teatro Nuovo Giovanni da Udine  (4 – 8 aprile 2018 )

Clown: Francesco Bifano, Alexandre Frish, Tamila Petroshchuk, Ivan Polunin, Sergey Shashelev, Aelita West, Artem Zhimolokhov

Direttore di palcoscenico Dmitry Ushakov

Company Manager Anna Hannikainen

Tecnico Luci Natalia Tabachnikova

Fonico Alexey Lavrentyev

Tecnico di palcoscenico Ivan Yaropolskiy

Tecnico di palcoscenico / Company Manager Eerika Ilmonen

 

mercoledì 28 marzo 2018
arrow
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la
cookie policy
Cliccando sul tasto "Accetto" acconsenti all’uso dei cookie.
Accetto