immagine E' il momento dell'Operetta: in scena "La danza delle libellule"

E' il momento dell'Operetta: in scena "La danza delle libellule"

Torna al Teatro Nuovo Giovanni da Udine tutto il fascino spumeggiante dell’operetta: va infatti in scena domenica 25 marzo, con inizio alle 17, La danza delle libellule con musiche di Franz Lehar su libretto di Carlo Lombardo. A interpretarla la Compagnia Teatro Musica Novecento specializzata in questo repertorio, con l’orchestra Cantieri d’Arte diretta dal maestro Stefano Giaroli.

La danza delle libellule è l’unica operetta nata in Italia ad aver varcato trionfalmente il confine nazionale: non è raro infatti ascoltare nei teatri del Nord Europa le arie di questo piccolo capolavoro del genere. Uno dei motivi principali di questo successo fu il connubio fra Carlo Lombardo e Franz Lehár, il re dell’operetta cui si devono le splendide musiche (e l’enorme successo) della Vedova allegra. Nel 1922 Lombardo, nel pieno del suo periodo favorevole di felici intuizioni, aveva realizzato due operette di successo: Scugnizza e La danza delle libellule. Della prima, autore della musica era Mario Costa; per la seconda, Lombardo aveva ottenuto da Lehár in persona il permesso di riadattare le melodie dello Sterngucker, già presentato con poco successo a Vienna nel 1916. Nelle abili mani del compositore-librettista napoletano, l’operetta si trasformò così piacevolmente da indurre lo stesso Lehár a presentarla prima a Vienna, poi in vari paesi del vecchio continente e in America. Nel Nord Europa ancora oggi La danza delle libellule è la più rappresentata tra le operette italiane, ed è nota col titolo Le Tre Grazie.

La trama ripercorre tutti i fortunati cliché della commedia spensierata e divertente, con colpi di scena, travestimenti e l’immancabile lieto fine: Il ricco Piper si è appropriato del castello di Nancy e del titolo di Duca. Per corteggiare la bella Elena, vedova Cliquot, decide di mettere in scena nel salone della propria dimora una commedia da lui scritta coinvolgendo nella recita gli amici Pomery e Gratin e le relative consorti, Carlotta e Tutù. Al gruppo si unisce Bouquet Blum, simpatico attore disoccupato in cerca di un ingaggio. Sopraggiunge all’improvviso Carlo, un cacciatore, attorno al quale subito aleggiano come libellule Elena, Carlotta e Tutù, tutte desiderose di conquistarne l’attenzione. Piper, Pomery e Gratin avvertono il pericolo e minacciano di far arrestare Carlo come cacciatore di frodo; questi si vede allora costretto a svelare la sua vera identità ma non solo: con l’aiuto di Bouquet riuscirà anche a sposare colei che da subito gli ha rapito il cuore…



venerdì 23 marzo 2018
arrow
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la
cookie policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetto