immagine Debutta in Prima Nazionale lo spettacolo Cercivento, martedì 27 ottobre 2020 ore 20.45

Debutta in Prima Nazionale lo spettacolo Cercivento, martedì 27 ottobre 2020 ore 20.45

Dopo un rinvio di otto mesi dovuto alla pandemia, martedì 27 ottobre 2020 debutta in prima nazionale al Teatro Giovanni da Udine (inizio ore 20.45) la nuova edizione di Cercivento. Lo spettacolo, che sarà preceduto alle 17.30 da un incontro speciale di Casa Teatro, andrà quindi in scena il 28 ottobre all’Auditorium Centro Civico di San Vito al Tagliamento nell’ambito del circuito ERT FVG per poi approdare al Teatro Elfo Puccini di Milano nel mese di novembre.

Cercivento è un atto unico creato nel 2003 da Riccardo Maranzana e Massimo Somaglino (che ne furono anche interpreti) a partire dal testo di Carlo Tolazzi. Il debutto di allora al Mittelfest (produzione Teatro Club Udine) e la tournée che ne seguì furono un successo, contribuendo con la forza del teatro a riportare l’attenzione dell’opinione pubblica su un tragico episodio della Grande Guerra che ancora oggi reclama giustizia.

Massimo Somaglino ha voluto riportare in scena il progetto per dare ancora una volta voce agli alpini fucilati a Cercivento, contribuendo alla battaglia per la loro riabilitazione. E il Teatro dell’Elfo di Milano ha aderito con convinzione al progetto dell’artista friulano, con cui collabora da anni, scegliendo di produrre questa nuova edizione. Il Comune di Cercivento e la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia hanno quindi scelto di dare il loro contributo e sostegno allo spettacolo.

L’allestimento del dopo-pandemia presenta la storia in una versione completamente rinnovata nell’impostazione registica, che accetta la sfida imposta dalle restrizioni legate all’emergenza Covid19 e affida a due giovani talenti, Alessandro Maione e Filippo Quezel, il

ruolo dei protagonisti. Sono due soldati della truppa, alpini della Grande guerra, un carnico e un veneto, rinchiusi nella sagrestia di una chiesa tristemente riconvertita in prigione, incriminati sotto la disonorevole accusa di insubordinazione agli ordini e di sottintesa combutta con il nemico al di là della trincea, sospesi nell’attesa del proprio destino che di lì ad un’ora sarà di morte.

La nuova impostazione registica è costretta a rinunciare alla vicinanza serrata fra attori e spettatori, chiave interpretativa della prima edizione, e sposta il tempo dell’azione a esecuzione avvenuta, trasformando l’azione in una narrazione rivissuta, che nulla toglie alla carica drammatica del testo e della vicenda.

Tratto da Prima che sia giorno di Carlo Tolazzi, vincitore nel 2002 del Premio Culturale “Renato Appi” di Cordenons, Cercivento trae spunto da un terribile episodio di storia vera in cui furono coinvolti – e in seguito condannati, alcuni anche alla pena capitale – molti alpini del 109° Battaglione “Monte Arvenis”, operante nella zona di Monte Croce Carnico. Un fatto duro, ripescato alcuni anni fa dall’oblio della rimozione, grazie al recupero fortuito di alcune carte processuali e alla caparbietà di ricercatori, studiosi e soprattutto parenti delle vittime, promotori di un combattivo movimento per la riabilitazione dell’onorabilità dei loro lontani congiunti.

Casa Teatro – incontri speciali

Lo spettacolo in programma al Teatro Nuovo Giovanni da Udine sarà preceduto, sempre il 27 ottobre con inizio alle ore 17.30, da un appuntamento speciale di Casa Teatro con il regista Massimo Somaglino e gli interpreti Alessandro Maione e Filippo Quezel. Nel rispetto delle norme anti Covid è obbligatorio confermare la propria presenza compilando il modulo on line sul sito www.teatroudine.it o scrivendo a iscrizioni@teatroudine.it, specificando nome, cognome, numero di cellulare, indirizzo mail di ciascun partecipante. Le registrazioni saranno accettate fino ad esaurimento dei posti a sedere disponibili.

In sala in tutta sicurezza

Tutti gli ambienti del Teatro vengono regolarmente sanificati per garantire la massima sicurezza agli spettatori. Saranno in funzione all’ingresso del teatro un termo scanner per il rilevamento della temperatura e diverse postazioni per l’igienizzazione delle mani. L’uso della mascherina e il distanziamento di 1 metro fra le persone saranno obbligatori sia in sala che negli altri spazi del Teatro fino a nuove disposizioni.

 

martedì 27 ottobre 2020 ore 20.45

CERCIVENTO

drammaturgia di Carlo Tolazzi

nuova versione - regia Massimo Somaglino

con Alessandro Maione e Filippo Quezel

produzione Teatro dell’Elfo con il contributo di Comune di Cercivento e Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

venerdì 23 ottobre 2020
arrow
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la
cookie policy
Cliccando sul tasto "Accetto" acconsenti all’uso dei cookie.
Accetto