18 maggio 2017: Sul palcoscenico del Teatro Nuovo brilla la stella di Vadim Repin

18 maggio 2017: Sul palcoscenico del Teatro Nuovo brilla la stella di Vadim Repin
 Virtuosismo elevato all’ennesima potenza, cantabilità luminosa, versatilità straordinaria: sono queste le principali ma non certamente le uniche doti artistiche dello strepitoso violinista siberiano Vadim Repin, atteso al Teatro Nuovo Giovanni da Udine giovedì 18 maggio alle ore 20.45.per il penultimo concerto della ventesima stagione di musica firmata da direttore artistico Marco Feruglio.
 
Nato in Siberia nel 1971, osannato da critica e pubblico fin da quando, nel 1988 ,si impose come il più giovane vincitore del Premio Reine Elisabeth di Bruxelles, Repin conquista il palcoscenico in tenerissima età. Innumerevoli le sue esibizioni accanto alle orchestre più celebri - Berliner Philharmoniker, Boston Symphony, London Symphony Orchestra, Filarmonica di San Pietroburgo per citarne alcune - guidato da direttori come Ashkenazy, Boulez, Chailly, Chung, Dutoit, Gergiev, Masur, Mehta, Muti, Rattle.
 
Vastissima anche la sua discografia che incrocia un repertorio sconfinato. Ma è soprattutto dal vivo, probabilmente, che il temperamento vibrante di Vadim Repin lascia un segno indelebile. Un’esperienza che anche il pubblico del Giovanni da Udine potrà finalmente provare quando, giovedì prossimo questo straordinario artista, accompagnato dall’orchestra sinfonica della sua città natale diretta da Gintaras Rinkevičius, proporrà per la prima volta con il suo arco inconfondibile il Secondo concerto di Prokof'ev: opera questa logicamente collegata, con le sue suggestioni iberiche, al Capriccio Spagnolo di Rimskij - Korsakov collocato in apertura dell’appuntamento. Tutta dedicata a Čajkovskij la parte conclusiva del programma, con la Fantasia sinfonica di ispirazione dantesca Francesca da Rimini e l’incantevole Suite da “La Bella addormentata”.
Info e biglietteria: Ticket disponibili presso la biglietteria del Teatro (via Trento 4 – Udine) dal martedì al sabato eccetto giorni festivi, dalle 16.00 alle 19.00; tel. 0432 248418, biglietteria@teatroudine.it. Biglietteria attiva anche al temporary ticket store presso la Libreria Feltrinelli di via Canciani a Udine (tutti i mercoledì con orario 10.00-13.00 e 13.30-18.00) e online ai siti www.teatroudine.it e www.vivaticket.it
Nato in Siberia nel 1971, VADIM REPIN inizia a suonare il violino all'età di cinque anni e dopo solo sei mesi si esibisce in pubblico. A undici anni vince la medaglia d'oro in tutte le categorie di età del Concorso Wienawski e debutta a Mosca e San Pietroburgo. Nel 1985 suona a Tokyo, Monaco, Berlino, Helsinki e, un anno dopo, alla Carnegie Hall. Nel 1987 è il più giovane vincitore del concorso di violino più prestigioso del mondo, il Concours Reine Elisabeth di Bruxelles: da allora, si esibisce con le orchestre e i direttori più celebrati al mondo.
 
La discografia di Vadim Repin comprende le registrazioni dei concerti per violino dei grandi compositori russi Shostakovich, Prokofiev e Tchaikovsky per Warner Classics. Per Deutsche Grammophon ha inciso il Concerto di Beethoven con la Filarmonica di Vienna e Riccardo Muti, insieme alla Sonata a Kreutzer di Beethoven con Martha Argerich, il Concerto per violino e il Doppio Concerto di Brahms (Truls Mørk, violoncello) con l'Orchestra Gewandhaus di Lipsia e Riccardo Chailly, il trio di Čajkovskij e il trio di Rachmaninov con Mischa Maisky e Lang Lang (che ha vinto l'Echo Classic) e opere di Grieg, Janacek e César Franck con Nikolai Lugansky, che ha vinto il Music 2011 BBC Award e il Premio Edison.
Nel febbraio 2010 è stato insignito del Victoire d'Honneur, il più prestigioso premio musicale francese per la dedizione di una vita alla musica, e nel dicembre 2010 è diventato Chevalier de l'Ordre des Arts et Lettres. A seguito di corsi di perfezionamento e concerti a Pechino nel dicembre 2014 gli è stata conferita una cattedra di professore onorario del Conservatorio Centrale di Musica e nel 2015 lo stesso ruolo presso il Conservatorio di Shanghai. Vadim Repin vive a Vienna e suona il violino “Bonjour” del 1743 di Guarneri del Gesù.
Fondata nel 1956, l’Orchestra Filarmonica di Novosibirsk è stata diretta da Arnold Kats fino alla sua morte, avvenuta nel 2007 ed è considerata una delle migliori orchestre russe insieme a quelle di Mosca e San Pietroburgo. Nel 2006 ha vinto il premio Lomonosov per i grandi meriti artistici in occasione del suo 50° anniversario. Nel giugno 2006, sotto la direzione di Arnold Kats, ha avuto l’onore di partecipare al primo Festival delle orchestre sinfoniche al mondo, dedicato alla festa nazionale Russia Day. Dal settembre 2007 Gintaras Rinkevicius è divenuto il Direttore Artistico e Direttore Principale della compagine; i principali Direttori Ospiti sono Thomas Sanderling e Fabio Mastrangelo. Definita da Vadim Repin “la leggendaria orchestra”, l’Orchestra Filarmonica di Novosibirsk viene regolarmente invitata da numerosi festival internazionali e si esibisce nelle più prestigiose sale da concerto del mondo.


ORCHESTRA FILARMONICA DI NOVOSIBIRSK
GINTARAS RINKEVIČIUS direttore
VADIM REPIN violino

Nikolaj Rimskij-Korsakov Capriccio Spagnolo op. 34
Sergej Prokof'ev Concerto n. 2 in sol minore op.63 per violino e orchestra
Pëtr Il'ič Čajkovskij Francesca da Rimini fantasia sinfonica op. 32
Pëtr Il'ič Čajkovskij Suite op. 66a da “La Bella addormentata”
 
 

Pubblicato martedì 16 maggio 2017

facebook twitter google pinterest